Come proteggere i nostri bambini dal sole?

Come proteggere i nostri bambini dal sole?

Giugno, tempo di vacanze e di mare. Come ogni estate per noi mamme c’è il problema di come proteggere i nostri bambini dal sole. Prima di tutto è bene specificare un concetto semplice ma troppo spesso dimenticato:  il sole preso correttamente è prezioso per la salute dei bambini. Il sole aiuta a fissare la vitamina D nelle ossa che si stanno formando e promuove lo sviluppo corretto del sistema immunitario. E per ottenere tutti i benefici senza rischiare scottature o problemi dermatologici, occorre seguire poche semplici regole:

  • Evitare l’esposizione diretta nelle ore più calde (dalle 12 alle 16).
  • Utilizzare sempre una crema con filtro solare adeguato: almeno 30 di fattore di protezione per i più piccoli e anche maggiore se sono di pelle molto chiara. Soprattutto è importante utilizzare prodotti specifici per bambini perché contengono una dose maggiore di ingredienti emollienti e lenitivi.

Crema solare per bambini in versione pocket, a 6 euro, qui

 

  • Rinnovare frequentemente e abbondantemente l’applicazione della crema per mantenere la protezione, specialmente se il bambino ha sudato oppure si è bagnato o asciugato.
  • Fare molte pause sotto l’ombrellone per abbassare la temperatura corporea. Anche dieci minuti ogni ora, ma è importante che il corpo si rinfreschi senza sbalzi termici (come un bagnetto dopo una lunga esposizione).
  • Bere molta acqua è fondamentale per mantenere l’idratazione della pelle e del corpo. Allo stesso modo è importante però aggiungere all’alimentazione della frutta. Se fa i capricci optate per ghiaccioli alla frutta, succhi o frullati cosi da non fargli mancare mai la giusta quantità di liquidi, vitamine e sali minerali.
  • Importante anche è l’uso di un cappellino, meglio con visiera, in modo da riparare non solo la nuca ma anche il volto e le spalle del bambino.

Ma non è meraviglioso questo cappellino?

 

  • Consigliato anche l’utilizzo di occhiali da sole, purché le lenti siano conformi alle direttive europee. Servono a proteggere sia gli occhi, prevenendo infiammazioni e piccoli fastidi, sia la pelle delicata della zona del contorno.
  • Non dimenticare la crema doposole alla sera, dopo il bagnetto per idratare bene la pelle del bambino.

Falsi miti:

  • Bagnare la testa invece che indossare un cappellino. Falso. L’acqua da sola non basta a schermare i raggi UV, anzi funge da lente che riflette e aumenta il rischio di scottature e di colpi di sole.
  • Sotto l’ombrellone o quando il cielo è coperto non serve la crema. Falso. I raggi UV passano lo stesso attraverso le nubi e la rifrazione del sole riesce comunque ad agire sulla pelle.
  • Da mezzogiorno a metà pomeriggio non si deve stare in spiaggia. Falso. Non serve andare via dal mare, se ben protetti da crema e maglietta, i bambini possono stare tranquillamente sotto l’ombrellone. L’importante è che bevano spesso per mantenere pelle e corpo idratati.

 

Volete una Cicogna che porti al mare i vostri bambini? Semplicissimo: basta richiederla qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *