Bambini e animali: come scegliere un cucciolo per il vostro bambino?

Bambini e animali: come scegliere un cucciolo per il vostro bambino? In una famiglia con bambini, prima o poi, si dovrà affrontare la richiesta: “mamma, papà, voglio un cagnolino o un gattino”. Ciò comporta un grosso impegno da parte di tutti i componenti della famiglia e non sempre questo tipo di scelta viene fatta in modo responsabile e ponderato. Affiancare un animale ai bambini li aiuta nella crescita e li rende più maturi.  La scelta di prendere o no un amico a quattro zampe non è da scartare a priori se, chiaramente, non sussistono gravi controindicazioni come allergie, asma o poco tempo da dedicargli.

Il cane si sa quando non c’è il padrone soffre, come un bambino che aspetta la mamma che si è allontanata. E’ proprio per questo che, secondo alcuni esperimenti condotti in laboratorio, il comportamento del cane nei confronti dei padroni è assimilabile a quello del figlio nei confronti della mamma.

Ma a che età è giusto adottare un animale?

Non prima dei 5-6 anni quando il bambino inizia a interagire in maniera consapevole. Prima cerchiamo di accompagnarlo alla scoperta del mondo animale: fargli ascoltare la voce degli uccelli, indicargli i nidi sui rami secchi degli alberi in autunno e gli animali nei parchi.  La differenza tra cane e gatto è sostanziale: il cane è collaborativo, giocoso e richiede interazione continua, il gatto invece dalla sua è più conviviale, richiede più “privacy” e richiede meno interazioni. Sono mondi differenti e, al di là dei desideri dei bambini, la prima cosa da considerare è se la nostra sia una famiglia da cane o da gatto.

Il cane è sicuramente il più impegnativo tra gli animali da compagnia, d’altro canto però è anche l’animale che più ripaga in termini di affetto e fedeltà, non per niente viene definito “il migliore amico dell’uomo”.
Valutate attentamente diversi fattori: va portato a passeggio più volte al giorno tutti i giorni, è impegnativo anche in termini di costi, sia per il cibo che per le visite veterinarie e non ama stare da solo troppe ore di seguito, inoltre dovrete trovargli una sistemazione o portarlo con voi durante le vacanze e anche per brevi weekend. In ogni caso, oltre a qualche nostro consiglio, spetta ai genitori capire quale possa essere il cucciolo più adatto alle esigenze e alle disponibilità di una famiglia, bisogna solo ricordarsi che, in ogni caso, prendere un cucciolo significa prendere un nuovo membro nel proprio nucleo familiare.

Condividi la tua opinione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *