Come educare i figli senza punizioni?

Come educare i figli senza ricorrere a punizioni? Quando i figli non ascoltano i propri genitori, quando sembrano fare apposta il contrario di quello che gli viene detto, vengono spesso sgridati, messi in castigo, puniti per il loro comportamento. Non fa bene a loro, fa male anche ai genitori. Le scelte che facciamo sono spesso influenzate dal nostro vissuto infantile e dall’eredità che questo ci ha lasciato, e per diventare i genitori che vorremmo essere dobbiamo compiere un profondo lavoro su noi stessi. Per crescere in maniera sana un bambino non ci vogliono punizioni, servono regole chiare che vanno rispettato sempre e comunque, mantenendo una giusta distanza emotiva tra genitori-figli.Risulta fondamentale non confondere le punizioni con le regole. La conoscenza delle fasi evolutive della crescita dei figli permette di individuare le tecniche adatte ad ogni situazione, per essere capaci nel contenimento e nel rispetto verso di loro. Troppa confidenza rischia di distruggere il ruolo di genitore, tanto da far considerare questo, come un parigrado. Offrire al bambino un ambiente tranquillo e stabile, ben “strutturato”, è una delle vie possibili per promuovere la fiducia nel bambino. Per quanto si cerchi di esaudire i desideri del bambino, siamo in realtà noi che decidiamo quali vestiti deve indossare, che cosa deve mangiare.

I bambini hanno bisogno di chiarezza educativa, loro si fidano dei genitori, non hanno bisogno che gli si venga spiegato in continuazione il perché devono fare così. Il paradosso dei nostri giorni è che i genitori tendono a parlare ai bambini piccoli come se fossero degli adulti e nello stesso tempo trattano gli adolescenti come se fossero dei bambini piccoli.

Un figlio percepisce un genitore come un riferimento, l’unico, il più importante. Da lui vuole amore, comprensione, aiuto, protezione. Se, invece di capirlo, di aiutarlo a risolvere la sua difficoltà, di non giudicarlo, viene punito, per lui è un trauma. Non è una esagerazione. Ovviamente per un adulto i traumi violenti sono altri, per esempio una brutta esperienza, un lutto, un grande spavento, una grave violenza e che la punizione non può essere annoverata in questo elenco. Per quanto possa non sembrare così grande o esagerata, i genitori devono sempre ricordare che una punizione da un figlio viene visto come un vero e proprio trauma.

Condividi la tua opinione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *