Svezzamento: ecco come e quando iniziarlo!

Lo svezzamento è un processo che inizia non prima del 5°-6° mese di vita e che procede gradualmente per tutto il primo anno di vita.Durante questo periodo il latte, pur mantenendo un posto importante nell’alimentazione, cessa di essere l’alimento esclusivo e viene affiancato da nuovi alimenti. Sarà il pediatra in ogni modo a stabilire i tempi giusti per tuo figlio.

Se la mamma allatta al seno e il bambino cresce regolarmente,allora bisognerebbe iniziare lo svezzamento non prima del 6° mese.  Se è allattato artificialmente, invece, una precoce introduzione di cibi solidi potrebbe risultare dannosa in quanto incrementa il rischio di allergie alimentari.
Nuovi gusti si affacciano dunque all’orizzonte; le manine vogliono assaporare tutti gli oggetti che capitano a tiro. Una curiosità di cui approfittare così da educare bene il bambino alla nuova alimentazione.
E’ consigliabile iniziare lo svezzamento in un momento di buona salute del bambino, in condizioni di calma e serenità, così da poterlo ricordare come un’esperienza piacevole. È assolutamente normale che il piccolo all’inizio faccia fatica a mangiare alimenti solidi, deve capire come si fa. Per succhiare il latte, doveva portare la lingua in avanti, mentre quando comincia a usare il cucchiaino deve portarla indietro. In questo modo sembra che il piccolo spunti il cibo, mentre invece semplicemente ancora non sa come ingerirlo: gli serve tempo per adattare i propri movimenti.  In questo caso bisogna lasciare che prenda familiarità con i nuovi alimenti, per esempio facendogli mettere le mani nella pappa e facendogliele leccare, ma controllando sempre prima la temperatura. Se poi il bambino rifiuta il cibo, non bisogna scoraggiarsi, ma anzi è importante chiedersi il perché. Da sempre abituato a mangiare a contatto con il corpo materno, è normale che si opponga a uno stacco repentino: è bene dunque guidare il cambiamento con dolcezza, magari collocando il momento della pappa in un orario in cui sono presenti entrambi i genitori

Condividi la tua opinione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *