"Perché siamo ancora a casa?" Incoraggiare le domande dei bambini durante la pandemia - Le Cicogne

“Perché siamo ancora a casa?” Incoraggiare le domande dei bambini durante la pandemia

I bambini sono curiosi. Vogliono sapere. E il babysitting digitale lascia insaziabile quella sete di conoscenza.

Mamma, perché i pinguini hanno le ali?

Perché ci sono nati.

Ma perché le hanno, se non possono volare?

Perché le loro ali li aiutano a nuotare.

Perché?

Perché sono come pinne nell’acqua.

Perché sono come le pinne?

Lo sono e basta.

Questo tipo di conversazione non è una novità per i genitori di bambini piccoli. Il costante “perché” dell’infanzia può essere esasperante, poiché i bambini spingono ripetutamente per ottenere sempre più informazioni. Ma nonostante la natura impegnativa di questi momenti, queste domande sul “perché” sono in realtà piuttosto importanti per l’apprendimento dei bambini: mostrano agli adulti ciò che i bambini vogliono imparare (Callanan & Oakes, 1992), rivelano ciò di cui sono naturalmente curiosi e li aiutano ad acquisire informazioni sul mondo che li circonda. Nell’esempio sopra riportato, il bambino ha imparato che le ali dei pinguini non hanno lo scopo di aiutarli a volare, ma di aiutarli a nuotare. In questo caso, le domande della bambina, volte a ottenere spiegazioni, erano persistenti: voleva informazioni specifiche ed era insoddisfatta della risposta inizialmente evasiva di sua madre.

La ricerca suggerisce che i bambini dimostrano spesso questi comportamenti interrogativi persistenti, a volte anche inventando le proprie risposte e spiegazioni quando i genitori non danno una risposta soddisfacente (Kurkul & Corriveau, 2018). Anche i bambini piccoli lo fanno. Sebbene i bambini non possano fare domande verbali, usano gesti di puntamento per richiedere informazioni agli adulti (Kovacs et al., 2014). Anche i neonati sono persistenti: continuano a indicare quando un adulto fornisce una risposta insoddisfacente alla loro domanda non verbale (Lucca e Wilbourn, 2019).

La ricerca è chiara: i bambini fanno domande sul mondo e persistono nel porre le loro domande quando non sono soddisfatti delle risposte. Perché? Perché i bambini sono curiosi e sanno che gli adulti possono fornire loro ricche informazioni. Le domande dei bambini diventano ancora più incredibili quando apriamo gli occhi sulle complessità che consentono alle domande di fluire così facilmente dalle loro bocche: devono identificare dove hanno bisogno di informazioni, proporre una domanda per colmare il divario nella loro conoscenza e indirizzare la loro domanda a una persona appropriata e competente.

Sebbene fare domande sia all’ordine del giorno durante l’infanzia, la “nuova normalità” determinata dalla pandemia COVID-19 può influenzare le richieste dei bambini. Come ci ricordano molte testate giornalistiche e annunci scolastici, attualmente stiamo vivendo “tempi senza precedenti” sulla scia del virus. In che modo una pandemia mondiale influisce sulle domande dei bambini?

Durante gli ordini casalinghi, i bambini possono avere meno esperienze con altri bambini e adulti. La ricerca suggerisce che man mano che i bambini in età prescolare si sviluppano, diventano più abili nel rivolgere le loro domande a persone appropriate (Choi et al., 2018). Ad esempio, imparano nel tempo che alcune domande avranno una risposta migliore dagli adulti che dai bambini. Senza la pratica nel porre domande e valutare le risposte di diversi bambini e adulti, i bambini potrebbero non essere preparati a porre e rispondere alle domande.

Inoltre, i bambini stanno perdendo molte delle esperienze stimolanti che avevano prima della pandemia, esperienze che suscitano curiosità e domande. Ad esempio, uno studio ha rilevato che i bambini facevano meno domande durante la visualizzazione di riproduzioni o disegni di animali rispetto a quando guardavano animali vivi in ​​uno zoo (Chouinard et al., 2007). Le domande sulle ali dei pinguini, ad esempio, potrebbero semplicemente non essere poste. Nemmeno la televisione o i video promuovono così tante domande: i bambini piccoli non imparano tanto dalla televisione quanto dalle interazioni dal vivo (Anderson & Pempek, 2005). Né i giocattoli elettronici o i tablet sembrano stimolare le domande dei bambini tanto spesso quanto le interazioni reali (Neale et al., 2020).

Come possiamo esporre i bambini a oggetti ed eventi in modo da stimolare le loro domande durante le quarantene? Ecco alcune idee che puoi provare:

  • Dimostrare come porre domande. Anche durante una pandemia, i bambini imitano ciò che vedono. I genitori che fanno domande hanno figli che fanno più domande. Invece di fare semplici domande sì / no, prova a fare domande aperte che usano i perché e Queste sono domande che fanno riflettere i bambini. I bambini imparano le parole con maggiore successo quando vengono presentate come parti di domande piuttosto che come dichiarazioni.
  • La curiosità stimola le domande. Guarda cosa sta guardando tuo figlio. Se facessi loro una domanda, potrebbero farti una domanda. Durante una passeggiata o in un parco, fai domande su ciò che vedi. C’è così tanto da interrogare, ad esempio, perché le foglie cadono dagli alberi? Anche guardare uno spazzaneve che sale sulle strade può suscitare la curiosità dei bambini. Perché il sale fa sciogliere la neve? Queste esperienze possono suscitare domande autentiche nei bambini. A volte, ai bambini è sufficiente dare l’opportunità di chiedere. E dobbiamo avere l’impulso di usare il web per trovare le risposte.
  • L’attenzione dei genitori consente di porre domande. La ricerca preliminare nel nostro laboratorio suggerisce che i bambini hanno maggiori probabilità di porre domande quando i loro genitori non sono distratti rispetto a quando gli adulti usano i loro telefoni cellulari. È difficile separare casa e lavoro durante la pandemia, ma cerca di riservare un po’ di tempo ogni giorno che è vietato per i telefoni. Mettere via il telefono può segnalare ai bambini che sei disponibile, che stai ascoltando e sei pronto a rispondere alle loro domande.

I bambini sono curiosi. Vogliono sapere. E il babysitting digitale lascia insaziabile quella sete di conoscenza. Sebbene la pandemia sollevi certamente ostacoli ad alcune delle esperienze che in genere stimolano le domande dei bambini, i genitori hanno il potere di aumentare la richiesta di informazioni dei bambini, anche a casa.

Scritto da: Caroline Gaudreau e Kathy Hirsh-Pasek e Roberta M. Golinkoff

Fonte: Promote curiosity and conversation in children during the pandemic (childandfamilyblog.com)

Categorie

Seguici sui social