Babysitting online funziona?

Le piattaforme e le start-up di babysitting si stanno arrangiando per passare alla cura dei bambini sullo schermo. Gli esperti dicono che può funzionare, ma per brevi periodi.

Dopo due settimane di apprendimento a distanza, Mary Graf, proprietaria del negozio pop-up di San Francisco, stava lottando per far studiare sua figlia di 6 anni. “Mi guardava e diceva: no, non ho intenzione di studiare”, ricorda Graf. “E le chiesi, parleresti così al tuo insegnante?” Sua figlia rispondeva timidamente di no, ma era ancora una sfida impegnarla.

Quindi Graf e un’altra madre hanno escogitato un piano: le due famiglie avrebbero assunto uno degli ex insegnanti della scuola materna della ragazza per aiutarle con alcuni dei compiti con le due ragazze. In questo modo, potevano vedersi ogni giorno in un piccolo gruppo – e i genitori potevano prendersi una pausa. Tre mattine alla settimana l’insegnante fa un’ora e mezza di babysitting virtuale: un esercizio di scrittura, yoga e una lezione di matematica.

“È stata davvero una manna dal cielo, perché posso lavorare o piegare un po ‘di bucato”, ha detto Graf. “Se sto conducendo l’apprendimento a distanza, devo sedermi accanto a lei per tutto il tempo.” Graf paga anche la sua normale tata del doposcuola per trascorrere del tempo virtuale con sua figlia per circa un’ora ogni pomeriggio a creare storie o giocare.

Mentre i centri di assistenza all’infanzia e le scuole sono chiusi, l’interesse per i sitters virtuali sta aumentando, sia che si tratti di insegnanti di scuola a casa autonomi, di babysitter professionali o di un nonno che organizza un tea party virtuale. Nuove aziende stanno creando piattaforme per gli operatori sanitari per interagire virtualmente con i bambini e servizi consolidati hanno aggiunto opzioni per prenotare il babysitting su schermo.

Naturalmente, le babysitter virtuali non possono cambiare i pannolini di un bambino, infilare un bambino in età prescolare nel letto o inseguire un bambino ribelle in casa. Ma i caregiver basati sullo schermo possono intrattenere i bambini e offrire ai genitori brevi pause. Diverse aziende che collegano i genitori con i caregiver – Care.com, UrbanSitter e Sittercity – ora offrono servizi virtuali, spesso a un prezzo inferiore rispetto alle babysitting dal vivo. Le nuove start-up si rivolgono anche ai genitori che hanno bisogno di pause brevi e vogliono offrire esperienze arricchenti ai bambini.

Elizabeth Harz, amministratore delegato di SitterCity, afferma che il sito ha visto un afflusso di allenatori, insegnanti, ragazzi del college e impiegati diurni disoccupati interessati al lavoro virtuale con i bambini. Dice che la maggior parte delle prenotazioni virtuali avviene quando entrambi i genitori lavorano. Offrono anche sitters virtuali per giocare o leggere storie ai bambini la sera mentre i genitori cenano insieme o bevono qualcosa nel cortile. “Ai bambini mancano tutte le persone e le attività della loro vita”, ha detto. “Anche se stanno amando tutto il tempo con mamma e papà, la possibilità di vedere un’altra faccia ed essere intrattenuti è davvero benvenuta.”

Urbansitter afferma che le sue babysitter e le tate hanno riportato un calo dell’84% negli affari da quando gli Stati hanno iniziato le raccomandazioni di accoglienza sul posto a marzo, portandole all’insegnamento e al tutoraggio online o alla domanda di disoccupazione. Quasi tre quarti erano interessati a lavori che intrattenevano i bambini con la chat video e un terzo di loro era disposto a lavorare a un prezzo inferiore.

La babysitter virtuale funziona meglio in piccole quantità di tempo, di solito da mezz’ora a un’ora, afferma Lynn Perkins, amministratore delegato di UrbanSitter. E i genitori dovrebbero essere nelle vicinanze – almeno a portata di mano del bambino. Aggiunge che anche la seduta a distanza tende a funzionare meglio la mattina, quando i bambini sono riposati e freschi.

Concentrarsi su talenti e interessi speciali può essere un modo naturale per coinvolgere un bambino più grande su uno schermo. Screen Sitters, una start-up con sede a Santa Monica, sta assumendo babysitter virtuali che hanno abilità specifiche, come essere in grado di parlare e giocare a giochi di sport, o di dinosauri o di matematica. Peter Szabo, che ha co-fondato la compagnia, afferma di essere motivato dall’interesse personale: aveva bisogno di una pausa dai suoi due figli, di 3 e 6 anni.

Szabo vide rapidamente che il suo bambino più piccolo non poteva stare fermo per le sessioni di FaceTime con i nonni, ma il ragazzo più grande poteva prestare attenzione a uno sconosciuto su uno schermo – fintanto che l’argomento era interessante. L’azienda si concentra sul collegamento di bambini dai 6 ai 12 anni con i sitters che possono interagire con gli interessi di un bambino per 30 o 60 minuti alla volta.

Erin Upton, una consulente con sede a Washington, DC, ha visto la sua bambina di 3 anni sviluppare una relazione con una manciata di sitters virtuali che ha assunto da UrbanSitter. Upton assume una baby-sitter virtuale per due ore ogni mattina nei giorni feriali e occasionalmente un’ora nel pomeriggio, per $ 15-17 all’ora. “Ha abbassato i nostri livelli di stress consentendo a me e mio marito di lavorare contemporaneamente senza dover accendere la TV per il nostro bambino in età prescolare”, afferma. “Nostro figlio è di ottimo umore dopo aver parlato con i suoi spettatori perché lo coinvolgono in giochi di finzione”.

Non è stato tutto facile però. Upton afferma che l’attenzione del suo bambino in età prescolare svanisce rapidamente quando una baby-sitter aspetta che prenda il comando o gli chiede cosa vuole fare. “È vero il contrario per lui con il babysitter di persona, quindi c’è stata una curva di apprendimento per noi per capire cosa funziona.” Inoltre non funziona bene se non si riposa o non dorme bene, ha aggiunto.

Fare un’attività – leggere una storia, creare un mestiere o giocare – su uno schermo coinvolge ancora il gioco fantasioso dei bambini, afferma Arthur Lavin, MD, un pediatra con sede in Ohio che guida il comitato dell’American Academy of Pediatrics sulla salute sociale della famiglia . Il dott. Lavin dice che fintanto che il bambino è in grado di comunicare bene ed è interessato alla persona sullo schermo, il baby sitter virtuale può funzionare.

“Il peso è più sulla babysitter che sul bambino”, spiega, aggiungendo che la virtual sitter deve essere più preparata e preoccuparsi di ciò in cui il bambino farà clic.

“Se ci pensate, questo è successo da un po ‘di tempo: famiglie che non vivono nella stessa città o anche nello stesso paese o nello stesso continente usando Skype e FaceTime”, ha detto. “Anche i bambini molto piccoli si collegheranno con i nonni su uno schermo perché c’è una relazione reciproca in corso.”

Kimberly Sloan, un life coach con base a San Diego e madre di un bambino di 2 anni, pubblicato su una piattaforma di babysitter per una baby-sitter virtuale. È dubbiosa, però. Una recente videochiamata con l’asilo di sua figlia, che il bambino non vedeva l’ora di vedere, non è andata bene. Quando fu il suo turno di parlare, sua figlia scappò dal computer, facendo correre Sloan dietro di lei. Alla fine ha corrotto sua figlia per riaccenderla, ma presto suo figlio ha sbattuto sulla tastiera del computer, riducendo al minimo la finestra della conferenza sul portatile. “È successo tutto in un arco di forse cinque minuti”, ha detto.

Guardando online le varie babysitter qualificate, Sloan ha scoperto che la maggior parte non aveva esperienza nella babysitter virtuale. “Come genitore stai cercando la sensazione di: so come farlo; Ti ho preso “, dice. “Non ho ancora sperimentato alcun tipo di piattaforma che abbia già accennato a questo.”

Scritto da: Katharine Gammon

Fonte: https://www.nytimes.com/2020/05/07/parenting/online-virtual-babysitters.html

Ecco alcuni altri suggerimenti su come mantenere coinvolto tuo figlio a casa! Click here!

Condividi la tua opinione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie

Seguici sui social